Intel Core i7 7700K: Kaby Lake ora anche per PC desktop - BLOG - Fabio Computer - 339 652 3818 - Riparazione & Consulenza Ascoli Piceno, Marche e Abruzzo a Domicilio

Cerca
Vai ai contenuti

Menu principale:

Intel Core i7 7700K: Kaby Lake ora anche per PC desktop

Pubblicato da in PROCESSORI ·
Nell'estate 2016 Intel ha ufficialmente reso disponibili sul mercato i primi processori della famiglia Core basati su architettura
Kaby Lake, limitandosi alle sole declinazioni della famiglia U pensate per sistemi notebook a più basso consumo. Queste CPU, identificate come modelli della famiglia 7000, riprendono le caratteristiche tecniche alla base delle proposte Core della famiglia
6000 basate su architettura Skylake mantenendone la tecnologia produttiva a 14 nanometri, integrando quale principale novità
una superiore efficienza energetica.
Probabilmente è questa la motivazione che ha spinto Intel a presentare le CPU Kaby Lake inizialmente solo nelle declinazione per sistemi notebook a più ridotte dimensioni, anche se una analisi dei tempi di debutto dei sistemi in commercio può fornire una spiegazione più completa. Intel ha infatti optato per un debutto delle CPU Core della famiglia Kaby Lake prima in sistemi notebook supersottili in quanto questi vengono tipicamente aggiornati dai produttori una volta all'anno nel periodo autunnale, andando a precedere sia la stagione di vendite natalizie sia un previsto rinnovo dei parchi macchine aziendali che può avvenire verso la fine dell'anno. La scelta di Intel puntava inoltre ad aiutare i propri partner produttori di sistemi e il canale in generale, alle prese con elevate scorte di processori basati su architettura Skylake che dovevano venir venduti prima di poter passare ad una nuova generazione.
Arriviamo quindi ai primi giorni del 2017, in solo lieve anticipo rispetto all'apertura del CES di Las Vegas: Intel presenta quest'oggi i processori Core i7 della famiglia 7000 per sistemi desktop, accanto alle proposte con medesima architettura pensate per i notebook mainstream e per quelli quad core più potenti e ingombranti. La famiglia di prodotti si completa, quindi, e vedremo al debutto nel corso dei prossimi mesi solo alcune altre declinazioni posizionate nel segmento di fascia entry level delle famiglie Celeron e Pentium. Tutto cambia, quindi, come sempre accade indicativamente ogni anno per i processori Intel ma come vedremo all'atto pratico di novità significative ce ne sono ben poche.
Le nuove versioni di processore per sistemi desktop sono raccolte nella tabella seguente, con le specifiche tecniche dettagliate:



Troviamo versioni di processore appartenenti alle famiglie Core i7, Core i5 e Core i3 con le classiche caratteristiche tecniche che contraddistinguono i modelli Core per sistemi desktop:
  • Core i7 integra supporto alla tecnologia HyperThreading: le CPU sono tutte quad core capaci di gestire sino a 8 threads in parallelo;
  • Core i5 non ha tecnologia HyperThreading, ma sfrutta quella Turbo Boost al pari di Core i7;
  • Core i3 vede solo declinazioni dual core tutte però con HyperThreading abilitato per un massimo di 4 threads processabili in parallelo; manca supporto alla tecnologia Turbo Boost;
  • tutte le CPU desktop della famiglia 7000 utilizzano GPU integrata Intel Graphics HD630, con lievi differente in termini di frequenza di clock massima;
  • le due CPU Core i7 e Core i5 con suffisso K integrano moltiplicatore di frequenza sbloccato verso l'alto e sono quindi adatte per l'overclock;
  • il processore Core i3-7350K è il primo della famiglia Core i3 dotato di moltiplicatore di frequenza sbloccato verso l'alto e per questo adatto all'overclock;
  • fatta eccezione per le due proposte top di gamma della serie K, le restanti CPU hanno un TDP variabile da 65 Watt a 35 Watt a seconda della versione.
Come cambiano le specifiche tecniche delle CPU Core i7 della famiglia 7000 rispetto ai corrispondenti modelli della serie 6000 che li hanno preceduti? I modelli corrispondenti tra di loro per sigla identificativa hanno poche differenze, riconducibili di fatto ad un generale e contenuto incremento delle frequenze di clock a parità di altre caratteristiche tecniche così come riassunto nella seguente tabella:



Per tutte le versioni di CPU registriamo un aumento della frequenza di clock sia base che Turbo, con differenze che vanno da un +100MHz per le declinazioni Core i5 sino a +200MHz e +300MHz per le differenti versioni di CPU Core i5 e Core i7. Con le proposte Kaby Lake, a parità di versioni e di costo ufficiale, Intel ha quindi optato per fornire un incremento delle prestazioni sfruttando la classica leva della frequenza di clock aumentata. Questo risultato è stato reso possibile grazie proprio alla migliore efficienza di questa architettura rispetto a quella Skylake, che ha aperto margini per frequenze di clock superiori a parità di dato di TDP dichiarato.



Quali sono le altre novità architetturali che Intel ha introdotto nelle proposte della famiglia Kaby Lake rispetto a quelle Skylake? Di fatto, all'atto pratico, potremmo riassumere in estrema sintesi con un "nessuna": le migliorie in termini di frequenze di clock si accompagnano ad alcune ottimizzazioni interne che non sono però tali da incidere in misura oggettivamente rilevabile sul quadro prestazionale dei vari modelli di processore. Tale risultato era del resto facilmente prevedibile: Intel ha modificato la propria cadenza "Tick-Tock" nel debutto dei nuovi processori passando ad una a 3 fasi, indicata con i nomi "Process, Architecture, Optimization" corrispondenti alle 3 ultime generazioni di processori Broadwell, Skylake e Kaby Lake. Quest'ultima rappresenta la fase di ottimizzazione dell'architettura Skylake, nella quale le migliorie riguardano principalmente un'efficienza energetica incrementata e la possibilità di operare a frequenze di clock leggermente superiori.



Nessun commento

©2016 FP Computer - P.Iva 02288590447
mail: info@fpcomputer.it
Cell: 339 652 3818
Torna ai contenuti | Torna al menu